News e Approfondimenti

Webinar Diary

Gli incontri online di ViDaCS,  in pillole

I Webinar di ViDaCS stanno dando i loro frutti, fornendoci importantissimi spunti di riflessione utili per ripensare ed approfondire il fenomeno della violenza di genere. Dare voce agli uomini è sicuramente un modo per capirne di più circa questa importante problematica e, soprattutto, evitare di adagiarci su vecchie conoscenze dogmatiche.

Primo incontro

La discussione si apre sulla violenza domestica alla quale i bambini assistono. Essi risultano invisibili sia per i genitori che per le istituzioni, ma questa invisibilità non fa altro che esasperare il loro malessere che esiste già solo per il fatto che sono esposti alla violenza del padre sulla madre. In particolare, secondo i partecipanti, viene trascurata la paura che il bambino o la bambina può sviluppare nei confronti del padre violento.

Di seguito, l’invisibilità della violenza non riguarda più soltanto i bambini che vi assistono ma si estende all’intera società: la violenza di genere e soprattutto quella domestica vengono nascoste e sommerse al livello sociale.

Sebbene sia inquadrabile come problema culturale, per il gruppo la violenza maschile sulle donne deriva dall’istinto maschile violento, del quale gli uomini dovrebbero prendere consapevolezza attraverso degli strumenti psicoeducativi quali la realtà virtuale.

L’istinto violento diventerebbe comportamento violento nel momento in cui ci sarebbe un accumulo di rabbia.

Ciò che si sfoga attraverso la violenza e ciò che non si sopporta dell’altro con cui si ha una relazione sentimentale e, quando un uomo è sotto stress, le richieste della partner potrebbero essere eccessive al punto da farlo sbottare.

Un’altra ipotesi riguarda sempre il problema culturale secondo cui gli uomini avrebbero il predominio mentale della casa perché si occuperebbero loro delle cose importanti. Tale predominio potrebbe essere messo in crisi dalle richieste della donna e tale crisi potrebbe sfociare nella violenza.

Nelle relazioni sentimentali, inoltre, la violenza sarebbe causata da una mancanza di comunicazione, la quale potrebbe essere curata attraverso il dialogo che permetterebbe di capire le intenzioni del e della partner.

Si giunge all’importanza che ha in una coppia il desiderio di essere capiti dall’altro che, se non viene soddisfatto, può mandare in tilt la relazione.

Ma la relazione può andare in tilt anche per una mancanza di fiducia, oppure per la delusione delle aspettative dell’uno sull’altro.

La violenza maschile sulle donne avrebbe come possibili cause: accordi prematrimoniali tra i genitori dei partner, la mancanza di linee guida su come dovrebbe andare una relazione, la perdita di controllo dell’uomo, il bisogno di potere maschile, il fallimento della vita dell’uomo che si riverserebbe sulla partner, l’istinto maschile di prevaricazione sull’altro ed infine delle cause genetiche.

Contattaci

  • dummy 081-2535451

  • dummy 081-2532231

  • dummy info@vidacs.eu

Finanziato da:

Search